GISELLA COZZO - ITALYEVENT.IT

Vai ai contenuti

Menu principale:

GISELLA COZZO

MUSICA

Way back Home Gisella Cozzo cantautrice e produttrice nasce a Melbourne da genitori italiani. Una famiglia numerosa con la passione per lo show che non si stupisce quando quella bimbetta, vivace e ricciolina, sogna di entrare nel mondo dello spettacolo. Gisella, ha una passione sfrenata per la musica che la porta a partecipare e vincere un talent a soli sedici anni. Accompagnata dalla mamma, che le fa da manager, giovanissima apre i concerti di artisti italiani del calibro di Toto Cutugno, Eros Ramazzotti, Marcella Bella, solo per citarne alcuni, che girano in tour l’Australia. Poi il destino vuole che proprio in Italia, dove sono nati i suoi genitori, lei trovi l’amore e il successo. L’incontro con i fratelli La Bionda le regala una carriera inarrestabile con canzoni per la pubblicità, che fanno di lei l’indiscussa “Regina” degli spot, con i quali entra in tutte le nostre case. Scrive e interpreta moltissime sigle televisive, collabora con artisti quali Jovanotti, Anna Oxa, Al Bano, Gianni Bella e tanti altri. Gisella è una vera show- girl, con i suoi spettacoli sa coinvolgere tutti con un’energia e una voce soul assolutamente inconfondibile.
Gisella hai fatto tantissima musica, ma c’è un brano che, in questo momento, hai particolarmente a cuore?
Si è Way Back Home, una canzone contenuta nell’album autobiografico This Is Me, composta per mia sorella che stava attraversando un momento complicato; una ballata che le ho dedicato per ricordarle di cercare dentro di lei la direzione da seguire. La strada di casa, è anche ritrovarsi quando ci si sente smarriti, quando abbiamo bisogno di un rifugio e un posto sicuro. Per questa ragione è davvero speciale per me, essendo un punto di riferimento, un faro.





Per te che sei nata e cresciuta a Melbourne, ma vivi in Italia “la strada di casa” qual è?
Casa per me è, dove ci sono gli affetti, le persone alle quali voglio bene.  La strada di casa è quella che mi porta dalla mia famiglia, che ho qui a Milano con Michelangelo, mio marito, a New York con mio figlio Macello, che studia e vive in America e a Melbourne, dove ci sono mamma, papà, le mie sorelle e mio fratello.

Hai un doppio passaporto, ma quale nazionalità prevale nella tua anima?
Bella domanda! Sicuramente il fatto di essere nata e cresciuta in Australia mi ha dato una connotazione fortissima. Io penso, ragiono, scrivo in inglese che è e rimane, la mia lingua madre. Sono consapevole delle mie origini italiane, ma anche del fatto che quando parlo in italiano sono, ancora oggi, piuttosto buffa. Anche la mia musica è il risultato di un bel mix tra quella americana, il rock australiano e le canzoni del Festival di Sanremo che i miei ascoltavano in casa. Guardo e giro l’Italia, anche dopo tanti anni che sono qui, con la curiosità della turista e provo, allo stesso modo, malinconia quando ne sono lontana, la stessa che ho nei riguardi della mia terra.


In questo momento l’Australia sta vivendo una situazione davvero difficile. Tu che la conosci così bene, pensi che saprà ri-partire? Sono sicura che l’Australia saprà rialzarsi e ripartire, perché è un paese giovane e forte che ha risorse incredibili. Questo momento così difficile deve diventare motivo di crescita e rinascita. Domenica 26 Gennaio è l’Australia Day e il mio pensiero sarà lì in attesa di partire tra pochi giorni e finalmente riabbracciarla. È una terra che ha accolto moltissimi italiani come i miei genitori, che partiti dalla Sicilia e dalla Calabria, hanno potuto realizzare il loro sogno. Ancora oggi è la meta di tantissimi giovani che arrivano da tutte le parti del mondo. È n posto magico dal cielo blu, che oggi è avvolto da una cappa di fumo, ma tornerà a essere meraviglioso, ne sono certa.

Stai lavorando a un nuovo spettacolo, puoi anticiparci qualcosa?
Sarà un viaggio ideale lungo la strada che mi ha condotta dall’Australia a qui, immagini e note per quello che potrebbe essere il racconto di tanti di noi che hanno attraversato il mondo per trovare casa. Una sorta di “Spaghetti & Fish and Chips” allegro e dinamico; inoltre ho un sogno nel cassetto, quello di riunire le mie sorelle e fare qualcosa tutte insieme!


 
Torna ai contenuti | Torna al menu